Via Giacomini, 28 

La svolta epocale nel trattamento degli acufeni è stato il modello neurofisiologico proposto dell’americano Pavel Jastreboff., che ha portato allo sviluppo della Tinnitus Retraining Therapy (TRT), terapia che negli ultimi 25 anni ha portato risultati nettamente superiori a quanto ottenuto con qualunque altro tipo di approccio. Il protocollo terapeutico basato sulla TRT prevede la presenza dello psicologo per un intervento di tipo cognitivo-comportamentale, fondamentale per riconoscere le idee disfunzionali e spesso catastrofiche relative all’acufene, sviluppando una conoscenza e una consapevolezza maggiore di se, riconoscendo i pensieri automatici e le distorsioni cognitive, permettendo quindi di adottare un’ottica piùfunzionale. Le sedute di counseling determinano uno spazio di apertura e di scambio, all’interno del quale lavorare sul de-condizionamento dell’acufene, al fine di ridurre la sua percezione nel tempo, diminuendo anche gli stati emotivi correlati come la paura, lo stress e l’ansia; hanno, inoltre, l’obiettivo di sostenere il paziente nella fase della rieducazione, sostenendo nei momenti critici, dando consigli e proponendo soluzioni.

ipoacusia:
si accompagna molto spesso ad acufeni, quasi sempre bilaterali, a carattere continuo, di natura molto varia, che in alcuni pazienti divengono col tempo l’handicap più insopportabile della malattia.
E’ frequente trovare infatti pazienti che non si lamentano particolarmente dell’ipoacusia, di cui tra l’altro spesso si accorgono solo in ambiente rumoroso, ma che poi non disturba in molti casi in modo eccessivo sia la vita di tutti i giorni che le relazioni sociali; il fastidio maggiore da essi riferito è provocato dalla presenza degli acufeni, che rendono difficile addormentarsi, irritano ed esasperano la persona, tanto da diventare talora il centro psicologico della vita dei pazienti.
Da molti anni era risaputo che la protesizzazione acustica spesso riusciva a mitigare gli acufeni e a renderli sopportabili o a farli scomparire del tutto, risultato che nessuna terapia farmacologia raggiungeva, se non, magari, per brevi periodi.
Nel tempo, oltre che farmaci di ogni tipo (emoreologici, neurotropi, tranquillanti minori e maggiori, vitamine e integratori, ecc.), sono state proposte diverse terapie non farmacologiche, tra cui l’elettrostimolazione, l’uso di laser a bassa frequenza, l’utilizzo di mascheratori sonori e ultimamente di stimolazioni magnetiche transcraniche.
Sul finire degli anni ’80 del secolo scorso il neurofisiologo Jastreboff sviluppò un modello che concentrava l’attenzione sui meccanismi centrali dell’acufene.
Tale modello è attualmente il più accettato, anche grazie alle evidenze della Risonanza Magnetica Funzionale, soprattutto per gli eclatanti risultati ottenuti in tutto il mondo applicando la terapia che l’autore ne derivò.
Jastreboff ipotizzò che, qualunque fosse la causa iniziale degli acufeni, che egli stesso ammetteva derivare inizialmente nel 90% dei casi da un meccanismo di alterazione cocleare, per il loro mantenimento avesse importanza il sistema nervoso centrale.
Il modello prevede che il punto focale del problema sia il momento della percezione corticale dello stimolo e il legame che si viene a creare tra corteccia uditiva e sistema limbico.
In poche parole l’acufene si crea a livello della coclea, per meccanismi eccitotossici o per il mancato controllo della cellule ciliate sull’attività dei neuroni del ganglio del Corti. Una volta instauratosi un segnale bioelettrico a livello dell’VIII nervo cranico, questo messaggio “fantasma” viaggia lungo le vie uditive centrali, trovando un filtraggio nei nuclei sottocorticali, a partire dai Nuclei Cocleari del Tronco dell’encefalo. Quando i Nuclei Sottocorticali non riescono più a sopprimere questo segnale, e spesso ciò avviene in modo improvviso, in relazione a stress psichici o fisici, il suono fantasma riesce a raggiungere la corteccia temporale a livello dell’Area Uditiva primaria. Da qui, esso raggiunge il Sistema Limbico e in particolare l’Amigdala, nucleo encefalico responsabile dell’acquisizione dei “segnali di allarme”.
L’acufene in alcuni soggetti provoca dunque l’innesto di un riflesso condizionato fortemente connotato sul piano emotivo e dunque un potenziamento riflesso del segnale a livello corticale. Ecco che l’acufene non solo diventa persistente, ma provoca man mano un crescente condizionamento sulla psiche del paziente, che a questo punto inizia a fare dell’acufene stesso il punto centrale della sua esistenza.
Se questo è il meccanismo di fondo, Jastreboff si chiese quale potesse essere il sistema più fisiologico per ridurre e alla fine sopprimere il circuito instauratosi col Sistema Libico, così da diminuire la percezione corticale dell’acufene. Da neurofisiologo ritenne utile sfruttare i meccanismi di “habituation” tipici di tutto il sistema nervoso e individuò nello stimolo per cui il sistema uditivo è nato, il suono, quello adeguato all’instaurarsi di una habituation.
Nacque dunque la “Sound Therapy”, incentrata sullo scopo di inondare le Vie Uditive Centrali di suono a livello non mascherante, così da associare all’acufene uno stimolo che inducesse “habituation” tanto per lo stimolo stesso, che per l’acufene che percorreva le stesse vie. Ovviamente, data l’importanza dei meccanismi di stress nella genesi e nel mantenimento dell’acufene, alla Sound Therapy venne associato un counseling positivo importante, dato che le terapie psicologiche erano quelle che anche prima della TRT potevano vantare delle percentuali di guarigione significativamente superiori rispetto a qualunque altro metodo e all’uso di placebo farmacologici.
Le esperienze condotte in tutto il mondo e dalla fine del secolo anche in Italia hanno validatola TRT, tanto da farne la terapia con maggiori risultati nel controllo degli acufeni.
La TRTviene condotta normalmente da un’equipe che comprende tre figure: il medico, in genere di estrazione otorinolaringoiatrica, l’audiometrista e l’audioprotesista, cui si può associare in una seconda fase lo psicologo o lo psichiatra, ma anche l’osteopata e lo gnatologo, per quei casi in cui le afferenze propriocettive giocano un ruolo nel manifestarsi dell’acufene.
E’ importante sottolineare che tutti i tipi di acufene, qualunque sia la loro origine e qualunque sia la loro caratteristica fisica e soggettiva, trovano indicazione nell’utilizzo della TRT, dato che, come detto, qualunque sia l’origine dell’acufene, esso diventa invariabilmente un fenomeno di natura centrale e fondamentalmente un problema di percezione.
Per la classificazione dei pazienti e lo studio dei risultati viene utilizzato ormai in tutto il mondo un solo questionario, quello del Tinnitus Handicap Inventory (THI) di Newman, per monitorare non tanto l’acufene in sé, quanto l’impatto che l’acufene ha sulla vita del paziente.
Dopo aver condotto un’anamnesi mirata con l’utilizzo anche di scale di valutazione analogica soggettiva, il paziente viene sottoposto agli esami audiologici di routine, ivi compresi i potenziali evocati uditivi del tronco e le otoemissioni acustiche, alla acufenometria e alla ricerca delle curve di mascheramento di Feldmann e ai test di inibizione residua. Eventualmente possono anche essere svolte indagini neuroradiologiche per escludere patologie dell’angolo ponto-cerebellare o del Sistema Nervoso Centrale, anche allo scopo di tranquillizzare il paziente circa l’assenza di patologie pericolose “quoad vitam”. Quindi viene effettuato un counseling, consistente nella ”demitizzazione” dell’acufene: viene spiegata la genesi dell’acufene e il motivo della sua persistenza, lo scopo della terapia e il meccanismo attraverso il quale essa interverrà sui meccanismi che generano l’acufene.
Infine viene proposta la terapia del suono, consistente nell’utilizzo di tre dispositivi. Il generatore di suono notturno, i generatori di suono indossabili, la protesi acustica, eventualmente programmata con l’implementazione di un generatore di suono, laddove vi sia una ipoacusia protesizzabile.
Il generatore di suono notturno è un apparecchio che il paziente deve mettere sul comodino e utilizzare durante il sonno. Al suo interno sono registrati suoni sintetizzati riproducenti rumori naturali, quali il canto degli uccelli, la marea, l’acqua di un ruscello che scorre, il vento, i grilli, il battito del cuore e il rumore bianco. Eventualmente questo generatore di suono può essere accoppiato a un “cuscino sonoro”, contenente due altoparlanti, allo scopo di non disturbare il partner. Il paziente deve accendere l’apparecchio, scegliere il suono a lui più gradevole e regolare l’intensità ad un livello minimo, di modo che nel sonno possa sentire sia il proprio acufene che il suono prescelto. I generatori di suono indossabili hanno invece l’aspetto di protesi acustiche e vengono regolati dall’Audioprotesista al cosiddetto “mixing point”, centrato sulle frequenze a cavallo della frequenza dell’acufene. Tali generatori vanno indossati e devono rimanere in funzione per il maggior numero di ore possibili durante al giornata.
Il terzo tipo di dispositivo viene consigliato ai pazienti che hanno oltre agli acufeni una ipoacusia di grado protesizzabile e consiste nell’uso di protesi acustiche, se possibile con tecnologia open-fitting, affinchè il condotto uditivo esterno non venga interamente occluso, situazione che potrebbe addirittura esaltare l’acufene.
Esistono anche protesi programmabili per funzionare anche da generatori di suono, quando, dopo qualche mese di utilizzo come semplici protesi, non abbiano diminuito la percezione dell’acufene.
Secondo la terapia standard, l’applicazione della TRT deve essere protratta per almeno 18 mesi, richiamando ogni tre mesi il paziente per effettuare un nuovo controllo, allo scopo soprattutto di rinforzare il counseling positivo. E’ comunque esperienza comune di chi effettuala Terapiache anche il semplice utilizzo del generatore di suono notturno, senza ricorrere ai generatori indossabili, magari accoppiato all’uso di protesi open-fitting, laddove vi sia anche un problema di ipoacusia, risolve nella maggior parte dei casi il problema degli acufeni in un tempo inferiore ai 10-12 mesi.